INTERVISTE -DATI -ARTICOLI

anno 2014 -La Città- Incubo fonderie Pisano Analisi su venti Ammalati

http://ricerca.gelocal.it/lacittadisalerno/archivio/lacittadisalerno/2014/06/16/NZ_10_01.html

Incubo fonderie Pisano Analisi su venti ammalati

Dopo giorni di intense polemiche, si terrà questa mattina, alle 10.30, la cerimonia per il conferimento della laurea magistrale honoris causa in Consulenza e Management aziendale al segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni. All'evento, che è stato organizzato presso l'aula delle lauree Buonocore dell'Università di Salerno, sarà presente anche il ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca Stefania Giannini. E' la prima volta che un sindacalista riceve un'onorificenza accademica da un'universià statale per l'impegno profuso sui temi del lavoro. Alla cerimonia saranno presenti anche il rettore Aurelio Tommasetti e il direttore del dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali Paola Adinolfi. Prima della consegna della laura, il leader della Cisl terrà una lectio magistralis. Dalla Terra dei fuochi a Salerno. Dalle esalazioni tossiche dei roghi di rifiuti, ai fumi delle fonderie Pisano. Una lettera indirizzata a sindaco e presidente dell'Ordine dei medici annuncia che sarà estesa a un campione di residenti di Fratte l'iniziativa che ha promosso nel Casertano analisi gratuite del sangue, per verificare la presenza di metalli pesanti. A metterlo nero su bianco – per l'associazione onlus "Il sogno è sempre" – è il medico salernitano Vincenzo Petrosino, specialista in chirurgia oncologica e collaboratore del senatore Bartolomeo Pepe (ex "Cinque stelle" ora nel gruppo misto) che ha condiviso il progetto. Il campionamento sara limitato per ora a venti persone, che potranno sottoporsi ai prelievi nel laboratorio della Facoltà di Farmacia di Napoli. I dosaggi verificheranno la presenza nel sangue di Pcb, i composti organici denominati policlorobifenili e ritenuti tossici. E si controllerà se nel sangue o nei capelli vi sia traccia di metalli quali piombo, arsenico, mercurio, rame, cadmio, nichel,zinco, cromo, stronzio, bario, alluminio, selenio, antimonio e cobalto. «Questa iniziativa che riguarda la terra dei fuochi – si legge nella lettera inviata al sindaco Vincenzo De Luca – è stata estesa per motivi comprensibili al momento ad una piccola popolazione volontaria che, ammalata, risiede nelle vicinanze delle Fonderie Pisano. Il protocollo è scientifico, ben codificato e le analisi sono eseguite presso la facoltà di Farmacia di Napoli dove è stato predisposto il consenso informato e la scheda anamnestica». Un'altra informativa è stata inviata al presidente dei medici salernitani, Bruno Ravera, per sollecitare i coinvolgimento di tutta la categoria con la segnalazione dei casi sospetti. «Sarebbe opportuno – scrive Petrosino – che in questa prima fase, preludio ad una più vasta esecuzione, vengano segnalati da parte dei medici i malati che volontariamente intendono effettuare il prelievo». I dettagli del progetto possono essere consultati sul web, alla pagina http://ilsognoesempre.it/un-analisi-per-la-vita/. Si spiega che la raccolta di fondi rende possibile, al momento, l'esecuzione di analisi gratuite su un campione di oltre cento persone, ammalate di patologie neoplastiche, tiroidee o anche neurodegenerative. A Salerno si parte con venti pazienti, che si aggiungono a quelli monitorati nella terra dei fuochi e che potrebbero fornire nuovi elementi allo screening dei fumi provenienti dall'impianto. Per adesso ci sono i rilievi delle centraline dell'Arpac (l'Agenzia regionale per la protezione ambientale) che hanno riscontrato nella zona l'inquinamento dell'aria e dell'acqua del fiume Irno. Il mite massimo delle polveri sottili – le pm10 – è stato superato per quattro giorni su 15, quasi il 30 per cento delle giornate monitorate. Una "proiezione" annuale per nulla incoraggiante, dato che il limite massimo di sforamenti tollerati per anno è di 35 giorni. Per il comitato "Salute e vita", che insiste per la delocalizzione della fabbrica, non vi è alcun dubbio che le impennate delle pm10 siano dovute alle fonderie. Pochi giorni fa si sono costituiti parte civile, insieme a Legambiente e Comune di Pellezzano, nel processo che vede imputato Luigi Pisano per l'emissione di fumi pericolosi. Le accuse si fermano al 2011 e l'imprenditore ha già deciso di chiudere il processo con un patteggiamento, che si definirà a settembre. (re.cro) ©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

16 giugno 2014    

 

04/06/2016

Analisi metalli pesanti e Policlorobifenili . Studio sperimentale Campano

Voglio ringraziare tutti coloro che hanno permesso lo sviluppo e la conclusione di questa ricerca , coloro che hanno partecipato alla raccolta fondi, coloro che hanno seguito i convegni e spettacoli e hanno versato un contributo. Ringrazio anche tutti i volontari che con la loro accettazione del consenso informato hanno probabilmente contribuito a posizionare un nuovo mattone. Un doveroso grazie ai volontari deceduti e in particolare a Rosa che nonostante la gravissima malattia avanzata ha partecipato a questo studio 

  

Abbiamo sottoposto ad analisi dei Policlorobifenili nel sangue e di 11 metalli pesanti nel sangue e nel capello. (Piombo, Arsenico, Mercurio, Rame, Cadmio, Nichel, Zinco, Cromo, Stronzio, Bario, Alluminio, Selenio, Antimonio e Litio), un gruppo di 67 volontari affetti da patologie neoplastiche, malattie tiroidee, neurodegenerative e volontari in buona salute, della Campania e Basilicata residenti in zone con criticità ambientali o altro.

Ho ideato  un protocollo rigido,  ogni volontario ha compilato e firmato un consenso informato al momento del prelievo di sangue  ha depositato in copia un valido documento di identità , compilato un questionario anamnestico e allegato esaustiva documentazione clinica. Dopo il completamento delle analisi e il controllo di ogni documento e cartella clinica si è proceduto in alcuni casi a richiedere integrazioni o altre notizie . Le analisi sono state eseguite presso l'Università di Farmacia e da laboratorio accreditato con metodiche all'avanguardia. Il responsabile del progetto , direttore ideatore e  unico responsabile della privacy e della divulgazione degli stessi in forma anonima o anche non anonima se espressamente richiesto dal volontario è lo scrivente dott. Vincenzo Petrosino specialista in Chirurgia Oncologica. Le analisi sono state pagate all'università in parte con una raccolta fondi su internet, in parte con conferenze e manifestazioni nelle quali ho esposto il progetto e in altra parte con la donazione effettuata da parte del Senatore Bartolomeo Pepe .

Lo studio  è stato ultimato .Ho fotocopiato per sicurezza tutto il materiale ricevuto ( CARTELLE CLINICHE ESAMI DIAGNOSTICI )esclusivamente in mio possesso .Per ogni singolo volontario reso anonimo ho preparato una cartellina con dati importanti, annotazioni e risultato analisi, per consentire una rapida visione del caso.  La complessità della materia ci obbliga a cautela e ad analisi approfondite nonchè a descrivere con minuzia di particolari i dati trovati in relazione alla popolazione osservata e ad altri fattori della ricerca.

Ho deciso di dividere la ricerca in più parti. La prima parte presentata a Maggio 2016 ha preso in considerazione solo alcuni tipi di tumori ,tra l'altro la bibliografia mondiale da noi guardata non presentava discussione di casi simili. Sono stati confrontati i risultati ottenuti con volontari in ABS (APPARENTE BUONA SALUTE ), abbiamo tratto conclusioni e per fare questo ho preferito che fossero medici specialisti nella branca a condividere il lavoro. La seconda parte gia elaborata e più complessa e articolata sarà resa nota a breve.

I risultati  saranno resi noti con pubblicazione scientifica  e conferenze.

Resta intuitivo che le varie implicazioni e discussioni che possono nascere e svilupparsi da un simile lavoro sono enormi e cercheremo di rendere noto con i mezzi più opportuni gli orizzonti che ci sembrano apparire.

          Dott. vincenzo Petrosino

 Oncologo Chirurgo -Direttore del progetto-

03/06/2016

Campi, Signa, Lastra e Calenzano più casi che nella terra dei fuochi INCHIESTA

La Piana fiorentina? Ecco le patologie in aumento INCHIESTA SUI TUMORI •
I dati sui tumori che pubblichiamo su queste pagine sono stati richiesti dal dottor #VincenzoPetrosino alla Asl di Firenze. Le patologie per le quali il dottore ha chiesto di conoscere le esenzioni sono nove: tumori, diabete, ipotiroidismo, ipertiroidismo, tiroiditi di Haschimoto, Alzheimer, nati prematuri, asma e Parkinson (patologie con probabili implicazioni ambientali ). Tutte le esenzioni, richieste per la ricerca, dovevano raccogliere gli ultimi sei anni di informazioni e non contenere “doppioni”. Per ogni tipo di patologia le esenzioni sono state richieste per la prima volta, senza rinnovi o altro. Ad ogni Asl è stata richiesta una certificazione dei dati inviati. I dati sono stati trasmessi su una posta Pec, conservati in originale in una banca dati .
Nel 2015 sono state richieste ad alcune Asl anche altri tipi di esenzioni come quelle per invalidità e reddito al fine di iniziare a valutare anche altri parametri. Questo sistema ideato e portato alla esecuzione dal dottor Petrosino è stato oggetto di contributo proveniente dal gruppo misto del Senato della Repubblica ma molto da impegno volontario.
Sono state fatte due relazioni di cui l’ultima portata all’attenzione del Ministero della Salute oltre che ovviamente al Senato.
Il sistema usato per organizzazione e metodo, è unico in Italia, e ha la capacità di fornire una fotografia immediata di alcune situazioni, con possibilità di accendere una lampadina verde o rossa. Con un data base così importante (abbiamo la maggior parte delle Asl Italiane) si possono fare interrogazioni e risposte, comparazioni tra realtà vicine o lontane, tra regioni diverse, paesi e comuni diversi.
Le possibilità di analisi e combinazioni di interrogazioni sono moltissime.
I dati sono in difetto in quanto molte persone possono non aver chiesto l’esenzione, possono essere decedute prima di chiederla, possono essere in possesso di altro tipo di esenzione, pertanto se disoccupati, invalidi o con reddito minimo, possono non avere richiesto l’esenzione per patologia .
Autore:ces
Pubblicato il: 20 Maggio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

*******************************************
Campi, Signa, lastra e calenzano più casi che nella terra dei fuochi INCHIESTA SUI TUMORI •
A Signa un numero più alto di tumori rispetto alla Terra dei fuochi, casi di asma e nascite premature, Parkinson e Alzheimer in aumento.
Sono questi alcuni dei dati che accendono una spia rossa sulla quale sarebbe bene fare ulteriori verifiche.
E' quanto emerge dalla ricerca richiesta da Bisenziosette a #VincenzoPetrosino, medico chirurgo, specializzato in chirurgia oncologica che da qualche anni ha iniziato la sua ricerca richiedendo ad alcune Asl le esenzioni per nove tipologie: tumori, diabete, ipotiroidismo, ipertiroidismo, tiroiditi di Haschimoto, Alzheimer, nati prematuri, asma e Parkinson, tutte patologie con probabili implicazioni ambientali.
Il dottor Petrosino ha iniziato la sua ricerca nell'agosto del 2013 cominciando dalla Campania, concentrandosi sui comuni della cosiddetta terra dei fuochi.
Per Bisenziosette, il medico aveva già commentato le esenzioni per i comuni di Quarrata, Agliana e Montale, dove è presente l'inceneritore.
Poi, su nostra richiesta, anche per la provincia di Prato dove sono emersi dati molto interessanti e adesso ha esteso la ricerca anche su Campi Bisenzio, Signa, Lastra a Signa e Calenzano.
Non è stato possibile avere i dati del 2015, come è avvenuto per altri comuni d’Italia, perché la Asl di Firenze non li ha forniti.
Comuni della Piana fiorentina già interessati da inquinamento atmosferico, anche se per tutta l’area c’è soltanto una centralina di rilevamento a Signa.
I dati che sono emersi non sono rassicuranti e devono far riflettere sulla situazione.
«In questi comuni purtroppo – afferma Petrosino – non è possibile sapere che tipo di tumori sono più frequenti e fare un raffronto per capire in quali si ha l'incidenza maggiore perché la tipologia dei tumori l'abbiamo solo per alcune Asl che riportano le esenzioni con i codici Icd9 come ad esempio Massa Carrara.
L'aspetto significativo che emerge è che se rapportiamo i dati a quelli della terra dei fuochi si vede che Campi, Signa, Lastra e Calenzano hanno un numero più alto di tumori e questo deve per forza far accendere una spia rossa.
Significa che c’è qualcosa che deve essere preso in considerazione».
Dai grafici è possibile avere un quadro delle persone che si sono ammalate ogni anno.
E’ possibile anche fare un confronto con due comuni della Terra dei fuochi: Acerra e Frattamaggiore, noti per la presenza di un inceneritore.
A Campi che ha 45.760 abitanti nel 2009 e nel 2011 i pazienti che hanno avuto l'esenzione per tumore sono stati più di duecento, ad Acerra un comune di 59.578 abitanti negli stessi anni ne sono stati registrati 120.I grafici esprimono l'andamento delle richieste di “ogni anno” cioè quante persone sono andate all'Asl con una documentazione certa di cancro e che hanno avuto il beneficio dello 048 che eviti loro di pagare farmaci, prescrizioni mediche e accertamenti riferiti a quella patologia. Quelle stesse persone non vengono riconteggiate se è un rinnovo di anni precedenti.
Fra i dati che devono far riflettere ci sono anche quelli legati all'aumento di patologie come l'asma che, in particolar modo a Campi, sono aumentate e sono abbastanza preoccupanti.
«Dai miei studi – conclude Petrosino - e da questi tre anni di esperienza specifica posso dice che, senza ombra di dubbio, ci siamo inquinati in qualche luogo di più e in qualche altro di meno.
Bisogna rallentare e trovare con saggezza una soluzione. Noi siamo umani, interagiamo con l'ambiente e l'ambiente l'abbiamo indiscutibilmente modificato. Quanto e cosa comporta questo forse stiamo appena iniziando a capirlo.
Amo dire che stiamo cambiando probabilmente le generazioni future e lo stiamo facendo con sostanze silenziose ecco perché si parla di “pandemia silenziosa».
Autore:ces
Pubblicato il: 20 Maggio 2016

02/06/2016

" La prima parte della ricerca "

 

Voglio ringraziare tutti coloro che hanno permesso lo sviluppo e la conclusione di questa ricerca , coloro che hanno partecipato alla raccolta fondi, coloro che hanno seguito i convegni e spettacoli e hanno versato un contributo.

 

Ringrazio anche tutti i volontari che con la loro accettazione del consenso informato hanno probabilmente contribuito a posizionare un nuovo mattone.

 

A questa prima presentazione che contempla meno di un terzo dei casi seguirà la seconda abbastanza più complessa e articolata.

 

Un doveroso grazie ai volontari deceduti e in particolare a R.D che nonostante la gravissima malattia avanzata ha partecipato a questo studio .

 

 

 

La prima parte della ricerca che ho avuto il piacere di ideare e dirigere con l'ausilio dei colleghi della Università di Medicina e Chirurgia del secondo policlinico di Napoli e della Università di Farmacia ha riscosso particolare successo  presentata al congresso internazionale a Roma .

A breve inizierò a descrivere ed illustrare le varie implicazioni e considerazioni scientifiche, deduzioni e risultati. Trattandosi di lavoro sperimentale oncologico inedito,  e in attesa della seconda parte , più articolata e importante  gia ultimata , che ci è stata anche richiesta.

Abbiamo preso in considerazione alcuni tumori particolari di volontari Campani residenti da anni in aree con criticità ambientali riconosciute e estrapolandoli dal lavoro intero,  li abbiamo messi in relazione con i volontari sani Campani e di altra Regione.

Abbiamo ovviamente studiato le cartelle cliniche l'anamnesi personale remota e prossima e dosato alcuni inquinanti e la loro variazione a seconda dell'Istotipo e sede  del tumore  e della residenza dei volontari,  in diverse matrici biologiche, rilevando le differenze, le caratteristiche e traendone alcune considerazioni oncologiche  importanti.

Per il momento ringrazio tutti coloro che hanno consentito che questa ricerca e progetto oncologico sperimentale arrivasse fino a questo traguardo.

Dott. Vincenzo Petrosino Chirurgo Oncologo

Tutto soggetto a Copyright©

04/06/2016

Articolo pubblicato su (iN)BISENZIOSETTE del 06 novembre 2015

Agliana-Quarrata-Montale-Serravalle

Articolo pubblicato su (iN)BISENZIOSETTE del 6  novembre 2015 

Il medico Vincenzo Petrosino sta portando avanti uno studio interessante sulle patologie oncologiche che riguarda anche Quarrata

«Più tumori che nella terra dei fuochi»

Secondo il medico anche l’Asl l di Pistoia si sta muovendo bene, ha capito che è necessario muoversi

 

QUARRATA – Vincenzo Petrosino, medico chirurgo specializzato in chirurgia oncologica da due anni lavora ad un sistema di ‘monitoraggio’ di nove patologie legate a criticità ambientali.

Dottore a cosa sta lavorando esattamente?

 «In Italia non abbiamo un metodo o un sistema che ci consenta di premere un bottone e di sapere, immediatamente, qual è la situazione medico-sanitaria di una data zona geografica e quali siano le patologie diffuse. Certo, abbiamo i registri dei tumori ma sono arretrati di 6-7 anni, ci sono i registri malformazioni, quelli “amianto”, e chi più ne ha più ne metta. Quel che non abbiamo è uno strumento che ci dia l’istantanea della situazione su supporto. Io ho lanciato l’idea di un database che è stata depositata al Senato della Repubblica italiana; idea partita dalle problematiche della terra dei fuochi per, poi, estendersi a tutti i Comuni italiani, o per lo meno a quelli che hanno risposto».

Per quale scopo?

«Abbiamo  richiesto alle Asl dati per nove patologie di probabile causa ambientale e per le quali si chiede l’esenzione, dividendoli, poi, per sesso, età e comune di residenza. Con il sistema che abbiamo elaborato possono sfuggire alcuni dati, sì ma per difetto. Mancano quelli che non chiedono l’esenzione, per esempio. Per la prima volta è stato applicato su scala nazionale una richiesta rigida e identica per tutte le Asl che, interpellate, ci hanno inviato i dati in una certificata modalità. Ogni anno vengono registrate le nuove esenzioni perché prendiamo in conteggio solo la prima richiesta anche se questa si dovesse rinnovare». I dati così raccolti consentono la creazione di un database che può essere interrogato in base alla zona geografica su cui si intende indagare. Quarrata, per esempio.

«Su Quarrata abbiamo visto che nel 2014 ci sono state 140 nuove richieste di esenzione 048, codice generico per il tumore, 16, invece, quelle per la tiroide di Hashimoto. Il dato di per sé potrebbe anche non significare nulla ma dice che un numero di persone a Quarrata paese ha chiesto l’esenzione per Tiroide di Hashimoto, un altro numero per tumore. A Montale c’è l’inceneritore e posso dire, molto superficialmente, che spesso, stando ai dati che abbiamo raccolto, abbiamo trovato molti più problemi non nelle immediate vicinanze della fonte del problema ma dove c’è la ricaduta. Questo è naturale. Bisogna studiare in profondità il problema per vedere se esistono ulteriori criticità sommatorie. Le variabili ci sono e sono molte; ho fatto, quindi, la cosa più semplice e chiesto a una mia collaboratrice di andare a vedere dati relativi a realtà simili per numero di abitanti per fare una comparazione. Quali paesi abbiamo in Italia con 25.000 persone circa e che presentano caratteristiche simili a Quarrata? Sono usciti due paesi del napoletano che hanno quasi 30.000 abitanti, Marigliano e San Giuseppe Vesuviano, due paesi che si trovano in una zona critica ma che hanno la metà delle esenzioni rispetto al dato che abbiamo per Quarrata. A Quarrata c’è un numero di persone che vanno a richiedere l’esenzione che è il doppio rispetto a due comuni simili in una zona anch’essa critica. Questo è un modo di accendere una lampadina e dire “attenzione, andiamo a vedere quale è il problema”, perché c’è un problema. Questo mi fa dire che molti paesi del Nord e Centro Italia sono molto più rovinati della Campania perché vi esistono delle criticità che si protraggono da più tempo e sono molto più radicate e che agiscono sulla vita delle persone».

In che modo?

«Un inceneritore, per esempio, che  espelle sostanze, siano esse diossine o metalli pesanti, è comunque un fattore inquinante. e  non può fare  bene. Il problema non è il tumore. Noi siamo così particolari che un tumore ci può venire se fumiamo ma può anche non venirci se lo facciamo per  cento anni. Il tumore non è indice di inquinamento. Ci sono molte altre malattie: le allergie, asma, le malattie della tiroide, i nati prematuri. Molte sostanze inquinanti agiscono a livello genetico e  la ricaduta la si può vedere fra 30 anni e non nell’immediato. L’Italia è ferma su questa questione perché è materia complessa. Chi vuole negare ha terreno facile. I dati, però, ci sono. Ci abbiamo impiegato due anni e abbiamo coperto circa 40.000.000 di abitanti».

E’ vero che la Asl di Pistoia, insieme a quella di Massa, ha elaborato un sistema di registrazione più accurato e profondo?

«Non sempre i dati sono precisi ma qualcosa si muove. La Asl di Pistoia,sta già facendo qualcosa, una delle pochissime che ha capito che qualcosa si deve fare». Superare le chiacchiere quindi e agire?

«Abbiamo parlato tanto, stiamo analizzando le polveri, i carciofi, le vacche, le capre ma bisognerebbe avere il coraggio di andare negli umani. È tutto più complesso.  Io sono l’unico in Italia che analizza il sangue umano  per  vedere cosa scorre nelle vene. Questo non è mai stato fatto, il lavoro è in itinere e lo stiamo elaborando. Ho visto 75 volontari e ci è voluto quasi un anno per metterli insieme perché non è una cosa facile. Il lavoro è serio. Se vuoi fare un’analisi seria, un’indagine seria, è inutile partire improvvisati. Si deve fare una cosa veloce e seria, ogni cosa deve stare al suo posto. ci vogliono le carte che dicono che quella tale persona, abita in quel posto da un certo numero di anni dove ci sono alcune criticità…solo così si può fregare il sistema.

Si perdono anni a fare cose inutili: le agenzie ambientali che fanno i monitoraggi, le Asl che fanno il protocollo, la gente che litiga, i comitati che urlano contro tutto e tutti. Ma tutto rimane tale e quale. Io mi sono mosso in modo semplice. In Campania volevo studiare gli umani e mi sono messo a fare analisi insieme all’università. Ho fatto le analisi del sangue e ho visto i risultati. Ho sbagliato ho fatto bene? Io l’ho fatto. Punto. È inutile andare a vedere che nel latte di due mamme c’è la diossina, lo abbiamo capito. Punto. Andiamo avanti, piuttosto. Andiamo a vedere cosa si trova nel sangue della gente che è malata di cancro, di chi è stato  operato ed ha cartelle, esami.  Le persone che si sono sottoposte alla ricerca sono state fotografate con carta di identità e firma. Io ho due persone che mi hanno portato le carte e poi sono morte. Sono due morti che parlano. Non sono due morti che non esistono. A Quarrata avete il doppio delle richieste di persone che hanno chiesto l’esenzione per patologie legate all’ambiente  rispetto ad una zona che presenta anch’essa criticità. Chi si opera, una volta dimesso, va alla Asl con le carte e chiede un beneficio per esami e altre cose. Il dato è per difetto: abbiamo perso chi si è operato ed è morto, chi ha 80 anni e ha un’altra esenzione, il dato non è mai in eccesso. Noi andiamo a vedere anche quanti invalidi ci sono, quanti ciechi, valutiamo la povertà o la ricchezza dell’ambiente e della città e il tipo di situazione socio-economica. Le cose vanno fatto per bene, soltanto questo ci salverà. Ormai si grida e basta. Anche i grandi ricercatori perdono contro una politica che deve negare perché lo Stato non potrà mai dire che un inceneritore ha portato la morte perché troppa gente andrebbe in causa contro lo Stato. Bisogna, allora, trovare una soluzione ed essere molto saggi. Dovremmo metterci ad un tavolo e dire “visto che probabilmente le cose stanno così, dobbiamo trovare una soluzione, non credete?”

È finito il tempo del parlare e dei convegni. Se io, dimostrassi che una persona che sta sotto un inceneritore ha nel sangue certe sostanze e che queste lo hanno fatto morire probabilmente prenderei il Nobel. Quindi, di cosa stiamo parlando? Vogliamo che una persona scopra l’origine del cancro? Io sono medico da 33 anni e ho due specializzazioni. Questo mi sembra il Paese delle ricerche: in Italia siamo andati a vedere che i casellanti delle autostrade hanno meno spermatozoi delle persone normali perché stando tra i fumi delle macchine naturalmente c’è un problema di fertilità.

Lo sapevamo già ma il problema è che non abbiamo mai preso un provvedimento. Quante volte abbiamo sentito dire che le discariche sono nocive ma il provvedimento qual è? Che nel sangue ci sono sostanze inquinanti lo so perché lo sto studiando. Questo riscontro è normale perché viviamo in un Paese dove c’è inquinamento. Però chi vive in prossimità di criticità ed ha anche un tumore stranamente ha anche più sostanze nel sangue.

Sarà un caso? Ma, se per chiudere un inceneritore o per vedere che via prendere dobbiamo scoprire il nesso tra inceneritore e cancro allora ci vuole una persona che abbia la capacità di prendere il Premio Nobel o di essere così fortunato da trovare quella combinazione giusta».

Una lotta contro i mulini a vento, quindi?

«Io ho trovato qualcosa ma mi potranno sempre dire che è la malattia che si associa ai valori e non i valori che hanno portato alla malattia. E ci fermiamo lì. Ci vorrà ancora qualche anno per arrivare alla soluzione. Qualcuno, con un mattoncino alla volta, ci arriverà. Io ho messo qualche mattoncino e vado avanti. Per quale ragione tutti fanno analisi su tutto, ma mai nessuno si è mai occupato degli umani. Perché non il sangue e il capello come ho fatto io? All’Università, però, non in un centro di nalisi sconosciuto al mondo no sul primo campione che arriva. Si è perso molto tempo». Cosa fare, allora, per non perderne più?

«Uno studio serio perché altrimenti rimane tutto una grande presa in giro. Io cerco di dare un’anima a quel che dico. C’è una situazione, ci sono dei dati, un sistema che ha la sua validità ed è l’unico ma alla base ci sono tutte le difficoltà che ho detto che sono espresse da chi, al momento, unico in Italia ha preso il sangue degli umani e lo sta analizzando».

Andrea Turi : https://turiandrea.wordpress.com/2016/05/05/piu-tumori-che-nella-terra-dei-fuochi/

patologie-petrosino

Le diapositive e le elaborazioni sono consultabili sul sito internet www.petrosinovincenzo.it

 
04/06/2016