INTERVISTE -DATI -ARTICOLI

Anticipazione con rappresentazioni: ‪TARANTO‬ - ‪‎BRESCIA

Analizziamo 9 ‪#‎patologie‬ di probabile causa ambientale attraverso le esenzioni richieste per queste patologie dagli abitanti dei vari comuni d'Italia.I dati sono stati ottimizzati secondo alcune regole del protocollo  in tutta Italia e pertanto abbastanza comparabili tra loro. Vediamo in queste foto la situazione a Brescia e a Taranto per quanto riguarda le tiroiditi di Haschimoto. A breve presenterò una ‪#‎comparazione‬ che tiene conto di alcuni parametri. Innanzitutto uguale numero di abitanti residenti. Ovvio che le possibilità di analisi e confronto attraverso il database in  nostro possesso sono praticamente infinite. Di ogni singolo Comune noi abbiamo dati divisi per sesso e singole età. In pratica in forma anonima noi conosciamo in ogni comune le persone maschio o femmina che negli ultimi 8 anni hanno richiesto esenzioni per patologie.Il tutto con filtri che al momento non rendo pubblici . Il primo step lo potete trovare qui, il secondo sarà pubblicato a breve e gia in avanzatissima fase di realizzazione.  Tengo a precisare che i dati per la tipologia propria sono da ritenersi in difetto rispetto al dato reale.

 

Qui trovi le rappresentazioni:

https://www.facebook.com/vincenzo.petrosino.735/posts/515498635299207

 

18/06/2015

Umanizzazione della medicina

Ho sempre sostenuto “l’Umanizzazione della Medicina ”   Il medico non può considerare un paziente solo un numero, il paziente va accolto, va ascoltato, spesso accarezzato.   Molti medici capiscono cosa significa essere "in cura“ quando vivono spesso la condizione di ammalati. L’ammalato di cancro è un ammalato “ fragile “ , da tempo insieme a Sen. Bartolomeo Pepe ci stiamo occupando dell’assistenza agli ammalati fragili e ho inviato una mia nota ad alcune Asl della mia zona e alla Regione Campania per conoscere come sono organizzati sul territorio i servizi per le fasce deboli alla quale al momento abbiamo ricevuto solo parziale risposta. Per conoscere le condizioni in cui vivono ammalati e familiari basta non andare lontano… ma recarsi presso la propria asl negli ambulatori  o negli uffici dove si effettuano le prenotazioni, parlare con loro e ascoltare tante storie. Esistono chiaramente le eccezioni , qui parliamo delle molte “ non eccezioni “.   Infatti (AdnKronos Salute) riporta:   06.11.2014 -  I medici hanno il dovere di ascoltare i pazienti, l'ascolto è manifestazione d'amore per il malato, è essenziale per la medicina del futuro. E' il messaggio di Umberto Veronesi, direttore scientifico dell'Istituto europeo di oncologia (Ieo) di Milano, intervenuto alla cerimonia al Quirinale per la Giornata nazionale per la rice...rca sul cancro, promossa dall'Airc  (Associaziona italiana per la ricerca sul cancro) il 9 novembre.
Noi medici siamo al servizio dei nostri pazienti, è nostro dovere ascoltarli per curarli nel modo migliore".
Per Veronesi, la "medicina del futuro deve tornare in qualche modo al vecchio pensiero di Platone: 'bisogna curare l'anima, il pensiero, il cervello'. E' anche qui che la malattia viene elaborata e rimane a lungo, non basta togliere il tumore dall'organo colpito, altrimenti la guarigione non è completamente realizzata, perché la guarigione non è solo fisica".

Perfettamente in linea con ciò che ha detto Umberto Veronesi . Dott. Vincenzo Petrosino (Oncologo Chirurgo)  Coll. Senatore Bartolomeo Pepe gruppo misto
08/11/2014

In video conferenza con Agliana (PT)

In video conferenza con m5s di Agliana PT ( Toscana ) tra giornalisti e comitati anti inceneritore e ambientalisti .

Vincenzo Petrosino illustra i Progetti Italiani e risponde alle domande della gente e dei giornalisti.

Una Risposta ad una delle domande fatte dai giornalisti.

Per vedere clicca qui...  

https://www.facebook.com/video.php?v=300107690178138

09/11/2014

Il tema della natalità in Italia è estremamente importante

Correlazione con l’Ambiente 

 

I nati nel 2012 in Italia sono stati 527 mila contro i 503 del 2013. In effetti è come se avessimo perso un paese Italiano come ad esempio Pontecagnano Faiano di circa 24.000 abitanti.

 E' una questione di grande importanza e impatto sul futuro della società in quanto colpisce per ovvi motivi anche il sistema previdenziale.

Certamente esiste al momento una diminuzione della “ fertilità ”, circa il 25 % dovuta a problemi maschili ed in aumento e un 45 % ( con le dovute cautele delle percentuali ) a problemi femminili. Purtroppo una percentuale abbastanza significativa di infertilità sembra essere dovuta agli interferenti endocrini o endocrin distruptors ”.

Questi null’altro sono che sostanze naturali o di sintesi che agiscono “mimando, innescando o bloccando la risposta ormonale”. Di solito agiscono in concentrazioni bassissime e tra queste sostanze abbiamo i policlorobifenili  o PCB,   molti pesticidi, gli ftalati e i metalli pesanti in modo particolare il mercurio,il piombo e il cadmio. Per alcune di queste sostanze esiste il pericolo di alterazioni dell’apparato genitale maschile del feto.

La stessa endometriosi sembra essere associata in pazienti di sesso femminile esposte a tali sostanze, specialmente PCB. Queste sostanze sono presenti quali inquinanti ambientali specie nelle grandi città e nelle città con grosse realtà industriali oltre che per realtà dolose o colpose, di cui è piena l’Italia.

Grande attenzione esiste per sostanze quali il PFOS e PFOA sostanze di sintesi usate dalle industrie e spie di inquinamento ambientale.

Vincenzo Petrosino (Medico Oncologo Chirurgo) 

08/11/2014

Viviamo in un ambiente altamente inquinato

Ormai  la situazione è chiara, viviamo in un ambiente altamente inquinato per fatti anche colposi e dolosi . La nostra vita si svolge  tra metalli pesanti, prodotti della combustione, idrocarburi policiclici, diossine e pcb.. vari. Giustamente per vedere cosa abbiamo dentro noi umani... bisognerebbe capire anche  il mix terribile che assorbiamo e le reazioni con le molecole semplici e complesse ch...e costituiscono il nostro corpo. Inoltre vorrei fare notare che il nostro organismo cerca a volte e per qualche sostanza di eliminarla per via metabolica oltre che accumularla. Per fare questo spesso si attivano vie metaboliche non comuni, alla fine, non sono un farmacologo, potrei sbagliarmi, ma alcuni prodotti così creati non so cosa combinano.  Inoltre alcuni prodotti potrebbero esse utilizzati dall'organismo umano in modo anomalo . Ricordo le molecole che " mimano gli ormoni ". Insomma la situazione è complessa .  Io non pretendo di conoscere tutto di tutto, ma nessuno al momento ci può dire cosa accade nel nostro organismo quando agiscono non una ma più  sostanze inquinanti . Alcuni per le loro piccole quantità  sono addirittura difficilmente dosabili e rintracciabili, a fronte di un danno magari grave e non ultimo " genetico " .
10/11/2014