INTERVISTE -DATI -ARTICOLI

Seduta al Senato n. 235 Interv.Sen. Pepe con la collab. del Dott. Petrosino

Pubblicato il 23/apr/2014      Seduta al Senato n. 235    

Onorevoli Colleghi
Gli effetti dell'inquinamento ambientale sulla salute umana  sono ben noti a tutti . L'ambiente interagisce strettamente con il nostro organismo.
Ma questo ambiente in cui viviamo è un sistema complesso, un sistema  che sta diventando sempre più pericoloso per la presenza di inquinanti, di sostanze tossiche , cancerogene e mutagene che, oltre a penetrare nel nostro organismo direttamente per via respiratoria o cutanea , penetrano attraverso  l'ingestione di alimenti, del latte delle carni della frutta e spesso si accumulano nei nostri tessuti.


L'ambiente in cui viviamo è ormai mortificato da una serie di eventi , molti dei quali colposi e altri purtroppo dolosi che spesso si sommano a tantissimi eventi. Ne risulta un micidiale mix di sostanze.

Spesso conosciamo poco anche il solo effetto di una di esse figuriamoci  dell'insieme.


Voglio riferirmi in particolare ai metalli pesanti e alle diossine e sostanze diossine simili che agiscono come distruttori o interferenti endocrini , o ancora più subdolamente agiscono  sul Dna alterandone, secondo alcuni studi di epigenetica, non la sequenza del Dna ma l'attività dello stesso.

Tutto ciò diventa drammatico se dovesse essere vero ciò che ho ascoltato , cioè la presenza di queste sostanze nel liquido amniotico del feto e addirittura intorno alla cellula uovo , stiamo in pratica forse modificando le generazioni future. Gli studi si stanno moltiplicando in tutto il mondo e sarebbe il caso che anche noi iniziassimo a monitorare gli effetti di tante sostanze sul nostro organismo e specialmente approfondire, specie nelle zone a rischio, le correlazioni ove esistessero , tra malattie  come le demenze e l'autismo , meno monitorate rispetto alle possibili relazioni con l'ambiente.

Ho letto di alcuni studi della pericolosità dell'alluminio e altri metalli cosiddetti pesanti sul sistema nervoso.


In particolare  ho letto della loro possibile causa e concausa nelle demenze, in aumento in tutti i paesi del mondo ,nelle malattie degenerative del sistema nervoso e  addirittura dell'alzheimer e  malattia di Parkinson. Ho letto di tanti danni creati negli anni dall'uso di sostanze quali i pesticidi e gli ftalati e idrocarburi policiclici.


La mia convinzione è che l'ambiente non può più essere scisso dalla malattia e che bisogna assolutamente avere un occhio vigile verso la prevenzione e verso il criterio famoso della " prudenza" con un attenzione particolare allo studio serio e razionale delle malattie in riferimento all'esposizione delle sostanze che ho prima menzionato.


Parlando in particolare di una terra dalla quale provengo , " la cosiddetta " terra dei fuochi " in Campania , quale migliore occasione , si fa per dire , del disastro ambientale complesso ed eterogeneo presente, per tentare proprio qui anche un analisi tossicologica sull'uomo e mirata ad alcune sostanze ? Sostanze che sono presenti nell'ambiente, nel terreno, nei cibi e addirittura ,come dimostrato per le diossine, nel latte materno.


Si potrebbe ,come abbiamo tentato in modo autonomo, monitorare e studiare la presenza di queste sostanze nel capello e nel sangue , anche a scopo  scientifico e profilattico per guardare ad eventuali patologie che possono presentarsi in queste persone dopo alcuni decenni.
Quale occasione migliore dei recenti stanziamenti dello stato , i famosi 50 milioni di euro , per monitorare anche dal punto di vista tossicologico la popolazione della terra dei fuochi e non solo.


Non solo perché non è solo la terra dei fuochi ad aver subito ingiurie ma anche altre zone dove si è sotterrato di tutto e purtroppo non sono comprese nel decreto.( Pianura ). Esistono abbastanza indizi in letteratura per far lanciare questo mio sasso nello stagno, io non sono un medico ma mi sono documentato abbastanza e sono davvero troppe le coincidenze tra aumento di alcune malattie  o anche la concentrazione di alcune malattie in determinate zone del nostro paese affette da  particolari criticità.


Vorrei tra l'altro concludere dicendo che spesso siamo pronti a guardare all'ambiente in relazione al cancro che un po' ci spaventa di più.
Invece dobbiamo tenere presente che il cancro  è probabilmente solo una delle malattie che l'ambiente sta in qualche modo favorendo o provocando, mentre esistono malattie come quelle cardiovascolari, nervose degenerative e endocrine che creano insieme molti danni dei quali spesso non conosciamo nulla o quasi nulla.


In collaborazione con Vincenzo Petrosino

09/07/2016

Malattie rare

Richiesta esenzioni ticket rilasciate dalle ASL italiane per le malattie rare

08/11/2014

Massa Carrara

Massa Carrara ab 199.650 ***UN TRAGUARDO***

08/06/2014

Asl Provincia Caserta dati progetto Sen.B. Pepe & Dott.V. Petrosino

I dati del progetto della Provincia di Caserta sono stati allegati alla petizione inviata.

15/08/2014